AppleApplicazioniGuide Consiglisoftware

Eliminare app preinstallate e inutilizzate su iPhone / iPad senza JailBreak

nascondereapplicazioniiphoneipad
111Visite

Volete eliminare le applicazioni preinstallate sul vostro iPhone o iPad che non cliccate mai? Allora ecco una soluzione semplice e veloce che non ha bisogno del Jailbreak.

Alcune premesse

In verità la soluzione a seguire non va ad eliminare definitivamente  le applicazioni preinstallate sul vostro iPhone o iPad, me le nasconderà momentaneamente finchè non riavvierete o spegnerete il vostro iDevice.

Come nascondere applicazioni come Edicola, iTunes, PassBook…

Fra le applicazioni che potrete decidere di nascondere e che non utilizzate sono presenti: Edicola, PassBook, il game center, Youtube, Galleria Immagini, Video, memo vocali… Ovviamente ognuno ha le proprie esigenze e nel caso sbagliate a nascondere qualche applicazione potrete riavviare o spegnere e riaccendere il vostro device. Si consiglia di non nascondere l’App Store per un corretto funzionamento del telefono o tablet.

Vediamo ora i passaggi da seguire per poter nascondere le applicazioni indesiderate dalle varie schermate (procedura testata su iPhone 5 e funzionante):

  1. Apriamo Safari e colleghiamoci al seguente sito www.cydiahacks.com
  2. una volta entrati nel sito avremo diverse applicazioni preinstallate da poter selezionare. Clicchiamo ad esempio su Edicola;
  3. ora ci apparirà una schermata che ci chiederà di installare l’applicazione e noi dovremo cliccare su Installa;
  4. partirà la finta installazione sul telefono e una volta che tale operazione non andrà a buon fine dovremo tappare sul pulsante fine;
  5. ora possiamo andare a cercare l’applicazione Edicola, tenere premuto sopra e fare elimina!

Come già detto ho testato la procedura su iPhone 5 e la cosa funziona. Qui a seguire il video dove è possibile vedere tutti i passaggi sopra elencati:

Il tutto è possibile senza aver fatto il JailBreak e nel caso di un riavvio o spegnimento del vostro iPhone o iPad dovrete riprocedere con tale procedura.

Matteo Hsia