Guide Consigli

Cosa fare se il cellulare si bagna, cade in acqua o nel cesso?

Rimedi per recuperare e salvare un telefono caduto nell’acqua. Riparazione fai da te.

androidresistenteacqua
Visite

Non so voi, ma a me è capitato più di una volta che il cellulare mi cadesse in acqua o comunque che si bagnasse con l’impossibilità di utilizzarlo in certe occasioni. Per fortuna mi è sempre successo con telefoni che costano poco e non mai con smartphone Android o un iPhone che hanno un valore decisamente superiore.

Prima di vedere cosa possiamo fare prima di portare in assistenza il telefono vi ricordo che i consigli in questa guida possono funzionare come no in base all’entità del danno che si è andato a creare all’interno dei circuiti del cellulare.

Per esperienza personale posso dirvi che in diverse occasioni sono riuscito a rifar funzionare un cellulare caduto in acqua per poco tempo o che si è bagnato magari cadendo nel cesso, sì sono sicuro che non sono pochi coloro che hanno avuto la sfortuna che un iPhone o altro smartphone cadesse nel cesso del bagno…

Come salvare e asciugare un cellulare, smartphone, iPhone o tablet caduto in acqua

come asciugare cellulare

La prima cosa da fare è non andare in agitazione facendo cose strane. In un primo momento potrebbe succedere che il cellulare continui a funzionare per poi non funzionare più, oppure il contrario.

In entrambi i casi quello che dovrete fare sarà:

  1. Spegnere il cellulare per via dei circuiti elettrici che potrebbero saltare
  2. Asciugare il più velocemente dove possibile il telefono. Se avete uno modello dove è possibile togliere la batteria, toglietela e cercate di asciugare tutte le goccioline di acqua visibili
  3. Oltre alla batteria dovrete togliere anche eventuali MicroSD, SIM e altri componenti che non richiedono l’utilizzo del cacciavite (in modo da non creare ulteriori danni se non siete esperti) in modo da vedere per bene eventuali goccioline rimaste.
  4. Una volta che avremo asciugato le parti esterne, potremo provare ad asciugare anche quelle interne che non riusciamo a vedere. Per fare questo dovremo munirci di un phon asciugacapelli accendendo al minimo con aria calda in modo da far evaporare eventuali zone umide causate dalla caduta in acqua.
  5. In caso l’asciuga capelli non dovesse funzionare, una seconda alternativa potrebbe essere quello di utilizzare il forno impostato ad una temperatura di massimo 40 gradi e lasciarlo per mezza giornata.
  6. Per poter assorbire l’umidità che potrebbe essersi creata nei circuiti interni è possibile utilizzare anche il riso. In pratica si dovrà lasciare il cellulare dentro il riso per una giornata in modo da togliere l’umidità rimasta.

Qui a seguire i suggerimenti segnalati messi in pratica su un drone caduto in acqua:

Se siete fortunati arrivati al punto 4 e aspettando una giornata il telefono potrebbe riprendere a funzionare, mentre in caso abbiate provato anche il punto 5 e 6 non dovesse ripartire, allora è il caso di cambiare o portare il cellulare in assistenza e vedere cosa dicono.

Per esperienza personale posso dirvi che in alcuni casi il cellulare è ripartito a funzionare il giorno dopo ed in altri ha smesso di funzionare subito o dopo qualche ora il fattaccio.

Purtroppo come anticipato dipende anche quanto si siano bagnate le componenti interne e la tempestività in cui si riesce ad asciugare tutto.

Avete avuto esperienze in merito con il vostro iPhone, Samsung Galaxy, Huawei, LG o altro modello di telefono?

Matteo Hsia