Scopri anche…

Guide Consigli

Come disattivare Backup automatico delle foto su Google+ o limitare il consumo dei dati [AGGIORNATO]

Guida su come bloccare il Backup automatico delle foto su Google da smartphone Android.

googleplusiphoneipad
Visite

Fra le nuove funzioni implementate su Android e Google+ è possibile trovare il backup automatico delle foto che in base al nostro utilizzo potrebbe essere più o meno utile. Ad esempio se utilizzate già altri servizi per poter salvare le vostre foto online o su memoria fisica, molto probabilmente disattivare questa funzione vi potrebbe ritornare comodo.

[AGGIORNAMENTO 22 LUGLIO 2015] Google+ Foto chiuderà i battenti il 1° di Agosto 2015. Il servizio continuerà a funzionare e l’applicazione diventerà semplicemente Google Foto. Al momento il Backup, Auto Awesome, foto ritocco e altre funzioni che erano presenti in Google+ Foto non è chiaro come saranno implementati nella nuova applicazione già disponibile. Molto probabilmente alcune delle impostazioni saranno già all’interno della nuova applicazione, mentre altre saranno implementate successivamente. In fondo all’articolo potete trovare la procedura aggiornata per disattivare il backup automatico dall’applicazione Google Foto.

Non so voi, ma tenendo attivata la funzione del backup automatico delle foto su Google+ si va a consumare parecchio traffico dati e se per qualche malaugurato motivo non avete attiva la voce di effettuarlo solo su rete Wifi potreste finire completamente i MB/GB a vostra disposizione. Oggi vediamo come disabilitare il backup automatico su Google+ da smartphone e tablet android.

Come disabilitare il salvataggio automatico delle foto su Google+

Ecco cosa dovremo fare per fare in modo che il backup automatido delle nostre foto non venga più effettuato:

  • andate in impostazioni;
  • selezionate la voce Google;
  • cliccate sul vostro account google [email protected];
  • da questa schermata scorrete fino alla voce Foto Google+ e da qui togliete la spunta;
  • altra spunta che dovete togliere è dalla voce Google foto;
  • aprite l’applicazione Google+;
  • selezionate la voce impostazioni dal pulsante in alto a destra con i 3 pallini;
  • ora mettete la spunta su off.

Qui a seguire lo screenshot effettuato su Nexus 5 con Android 4.4 KitKat.

disattivarebackupgoogleplus

Come effettuare il backup delle foto su Google+ solo su rete Wifi

Se invece il backup automatico delle vostre foto su Google Plus vi interessa potete attivarlo solo su rete Wifi in modo da non avere sorprese sul consumo del traffico internet. Ecco cosa dovremo fare per attivare il backup solo su rete Wifi:

  • aprite l’applicazione Google+;
  • dal pulsante in alto a destra con i tre pallini selezionate la voce impostazioni;
  • la spunta deve rimanere su on;
  • ora trovate la voce Esegui backup delle foto e cliccateci sopra;
  • una volta cliccato vi appariranno due voci: su rete wifi o mobile e solo Wifi;
  • noi dovremo selezionare la voce solo Wifi.

disabilitarebackupgoogleplus

Gli altri accorgimenti che possiamo è quello di disabilitare il backup in caso di roaming, delle cartelle presenti sul telefono o attivare il backup solo nel caso il telefono sia in carica.

Questo è quanto. Se avete altri suggerimenti o dubbi non esitate a commentare.

[AGGIORNAMENTO MAGGIO 2015]

Google Foto diventa un’applicazione separata da Google+

Avete comprato un nuovo smartphone oppure avete fatto un aggiornamento e non vi ritrovate più le impostazioni o la sezione Google Foto all’interno di Google+? Il motivo è dovuto dal fatto che Google ha scelto di separare questa applicazione in modo tale da poter ritrovare subito i nostri video e foto salvati sul cellulare.

Se avete l’applicazione separata di Google Foto per poter disattivare il backup automatico o impostare il salvataggio automatico solo su rete Wifi potrete trovare le impostazioni segnalate sopra all’interno dell’applicazione. Qui a seguire alcune immagini dimostrative della nuova applicazione:

In teoria con il nuovo aggiornamento sarà più facile bloccare eventuali consumi inaspettati del nostro traffico internet.

Matteo Hsia