hardware

Riparazione smartphone cellulari: Samsung, Motorola, Nokia, HTC… quali sono i più facili da riparare?

riparazionecellulariandroidiphone
Visite

Sapete quali sono gli smartphone più facili da riparare? E quelli più difficili? Se sapete già la risposta non leggete il post, mentre se non la sapete scopriamolo insieme grazie alla classifica condotta da iFixit.

Abbiamo già visto in diverse occasioni smontare smartphone, computer e altri dispositivi tecnologici dal team di iFixit ed ora sul sito ufficiale è possibile conoscere la lista di tanti smartphone famosi e il loro grado di riparabilità. Nella lista che vedremo sarà possibile conoscere quali telefoni fra Samsung Galaxy, Apple iPhone, HTC, MotorolaNokia e altri ancora sono più facili da riparare in base ad alcuni elementi che possono essere la difficoltà nell’aprire un determinato smartphone e la rispettiva sostituzione di determinati pezzi.

riparabilitacellularismartphone

Guardando i primi device della lista è possibile trovare Motorola al primo posto, a seguire Samsung e BlackBerry, Nokia, Nexus 4, Apple iPhone e HTC…

In base al punteggio dato da iFixit c’è da dire che anche il costo della riparazione dovrebbe variare potendo notare che la scocca unibody sembra essere un fattore penalizzante. Qui a seguire la lista completa degli smartphone più facili e difficili da riparare con rispettiva data di uscita:

  1. Motorola Droid Bionic (2011)
    – Sostituzione della batteria facile
    – Sostituzione agevolata di molti componenti grazie alla predisposizione modulare.
    – La sostituzione della fotocamera posteriore richiede la rimozione di uno scudo EMI.
    Voto 9
  2. Motorola Atrix 4G (2011)
    – Vetro e LCD frontale non sono fusi e possono essere sostituiti singolarmente.
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Molti componenti sono saldati in atto e aumentano i costi di sostituzione.
    – Voto 9
  3. Samsung Galaxy S4 (2013)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Molto facile da aprire per poter accedere ai componenti interni.
    – Alcuni componenti sul retro dello schermo sono fusi tra loro.
    Voto 8
  4. Blackberry Z10 (2013)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Dispositivo facile da aprire grazie alle normali viti presenti.
    – Componenti più piccoli sono fortemente rispettate a posto.
    Voto 8
  5. Samsung Galaxy Note II (2012)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Facile accesso ai componenti interni.
    – Alcuni componenti sul retro dello schermo sono fusi tra loro.
    Voto 8
  6. Samsung Galaxy S III (2012)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Il dispositivo è facile da aprire.
    – Alcuni componenti sul retro dello schermo sono fusi tra loro.
    Voto 
    8
  7. Samsung Galaxy Note (2011)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Molto facile da aprire per accedere ai componenti interni.
    – Alcuni componenti sul retro dello schermo sono fusi tra loro.
    Voto 8
  8. Samsung Galaxy S II (2011)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Molto facile da aprire per l’accesso ai componenti interni.
    – Alcuni componenti sul retro dello schermo sono fusi tra loro.
    Voto 8
  9. Nokia N8 (2010)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Vetro e LCD frontale non sono fusi e possono essere sostituiti singolarmente
    – La rimozione della fotocamera è incredibilmente difficile.
    Voto 8
  10. Dell Streak (2010)
    – Il dispositivo è facile da aprire.
    – La batteria è facile da sostituire.
    – LCD è fuso al vetro.
    Voto 8
  11. Motorola Moto X (2013)
    – La disposizione modulare consente la sostituzione dei singoli componenti.
    – Utilizzato un solo tipo di vite.
    – Il coperchio posteriore rende difficile l’apertura.
    Voto 7
  12. Google Nexus 4 (2012)
    – Il coperchio posteriore può essere rimosso con strumenti comuni.
    – Facile da smontare.
    – Sostituzione batteria difficile.
    Voto 
    7
  13. Apple iPhone 5 (2012)
    – Pannello frontale di facile rimozione e sostituzione.
    – Batteria relativamente facile da sostituire.
    – Attrezzi proprietari necessari per l’apertura.
    Voto 7
  14. Google Nexus S (2010)
    – La batteria è facile da sostituire.
    – Viti standard e i connettori rendono la scheda madre accessibile.
    – Pannello frontale di difficile sostituzione.
    Voto 7
  15. Apple iPhone 3GS (2009)
    – Vetro e LCD frontale non sono fusi e possono essere sostituiti singolarmente.
    – Viti standard Phillips utilizzati in tutto il dispositivo.
    – La batteria è sotto la scheda logica, e rende difficile la sostituzione.
    Voto 7
  16. iPhone 3G (2008)
    – Vetro e LCD frontale non sono fusi e possono essere sostituiti singolarmente
    – Viti standard Phillips utilizzati in tutto il dispositivo.
    – La batteria è sotto la scheda logica, e rende difficile la sostituzione
    Voto 7
  17. Apple iPhone 5S (2013)
    – Pannello frontale è abbastanza facile da rimuovere e sostituire.
    – Batteria difficile da rimuovere.
    – Attrezzi proprietari necessari per l’apertura.
    Voto 6
  18. Samsung Galaxy Nexus (2011)
    Voto 6
  19. iPhone 4S (2011)
    Voto 6
  20. Motorola Droid 3 (2011)
    Voto 6
  21. iPhone 4 (2010)
    Voto 6
  22. Samsung Galaxy S 4G (2010)
    Voto 6
  23. HTC Surround (2010)
    Voto 
    5
  24. Motorola Droid 4 (2012)
    Voto 4
  25. Motorola Droid RAZR (2011)
    Voto 4
  26. iPhone (2007)
    Voto 2
  27. HTC One (2013)
    Voto 1

Ovviamente il miglior augurio è quello di non dover mai riparare il proprio cellulare o altro dispositivo tecnologico. E il vostro smartphone che punteggio ha ottenuto da iFixit?

Per conoscere tutti i dettagli potete visitare la seguente pagina sul sito della fonte.

Matteo Hsia